Menu Orizzontale

martedì 9 agosto 2011

Diego Cugia - Jack Folla


Ragazza che non ho


Ragazza che non ho, ti ho già scritto una volta.. ero più giovane dentro e fuori, sognavo che dal buio fiammante della radio potessi uscire tu, con il mio sos di carta fra le dita e uno di quei sorrisi che sembrano dire: “perché ti meravigli tanto, Jack? Non hai mai visto uscire una ragazza da una radio?” Avrei guardato le tue gambe svelte scavalcare la finestra nera della mia Sony, ti saresti lasciata ammirare col vestitino di carta giapponese con i fiori d’acqua E tutti i miei problemi si sarebbero accucciati in un angolo come un cane pentito, perché avevo osato dubitare della materia dei sogni. 


Vedi ragazza, credere nell’ impossibile è stata la causa di tutti i miei guai e di tutte le mie grandezze. Io ho puntato su tutte le roulette, ho guidato contromano nella notte, sono andato in spiaggia con le scarpe d’inverno e mi sono steso in cappotto davanti al mare bruciante, perché disprezzavo i luoghi comuni e, così non ho mai smesso di credere che esisti; che esistono ragazze che escono dalle radio con i vestiti a fiori. E questo lo devo a mio padre, che mi insegnò ad osare... Ecco perché ti ho riscritto e imbuco la mia busta nell’ universo. 


Non sono così sciocco da credere che tu non verrai mai: i miracoli sono più reali dei soldi, la verità è che temo di deluderti. Sono scorbutico, e pieno di dubbi e non ho mai imparato a ballare. Ti annoieresti, temo, e dopo qualche minuto di silenzio mi diresti: usciamo ? E non mi va di uscire, e poi stasera in televisione c’è il mio documentario preferito, e di là la cena è apparecchiata per uno. E poi ho l’ansia da prestazione, va bene? Tu hai fatto l’amore fra le stelle io in letti da serie B, e la sigaretta dopo... era l’orgasmo. 


Attenta, non credermi ragazza che non ho, il mio è un vecchio gioco. Provocare miracoli e smettere di stupirsi l’attimo dopo. Se a quel punto te ne andassi via, sarei perduto: siamo mezzi uomini, mezzi maghi, eterni bambini . 


Non credermi, basta! Portami fuori! È una sera così dolce, ci sarà pure da qualche parte una balera deserta dove potrai insegnarmi il ritmo semplice della vita. 


Ragazza che non ho, stanotte saremo in tanti ad attenderti lo sai...? Tu fai così, non pensare a me! A forza di credere ai miracoli, io ho imparato a reggerne l’assenza; ma uno, questa notte, uno almeno di noi, fallo felice! 





4 commenti:

  1. mioddio...........semplicemente meravigliosa............

    RispondiElimina
  2. Spettacolare la fusione tra sogno e realtà, tra desiderio e timore... un incanto le parole apparentemente prese senza cura dal cestino dei vocabolari dei tempi della scuola... il dolce pensiero che si culla tra la conoscenza della vita e l'ostinata ricerca del tesoro nascosto... Un mezzo uomo immensamente bello quanto un bimbo nella sua interezza, un uomo intero che lascia trapelare a mezzi termini il bimbo che saggiamente non ha mai abbandonato lungo il corso della sua crescita...
    Per un uomo così esiste ... una donna così.
    La sua donna.
    Tutta sua.
    Solo sua.

    RispondiElimina
  3. sonia proietti10 agosto 2011 02:00

    ma neanche un uomo esiste per una Donna tutto suo solo tuo

    RispondiElimina
  4. è bellissimo.............. una poesia....... anch'io dico fra me e me........ una persona di sogno....... aspetto!!!!!! fino quando??????????'' ahaaaaaaaa sogno!!!!!!!!

    RispondiElimina